Quando più di venti anni fa i primi intrepidi pionieri della Piana Fiorentina presentarono le loro proposte all'amministrazione pubblica non sapevano che esito avrebbero avuto, ma una grande fiducia muoveva i loro passi...Semplici cittadini, studenti universitari, professionisti, amici della piana, espressero a diverso titolo e sotto bandiere diverse, ma unite in uno stesso intento, la volontà di fare di tutto affinché una parte più ampia possibile della "piana naturale", fosse in qualche modo conservata. Alcuni credevano che fosse necessario convertire le aree umide e le fasce vegetazionali residue (fasce definite poi meglio come corridoi ecologici) in zone a stretta protezione, altri si accontentavano di mantenere il più possibile lo status quo. Conservare per essi stessi e per i propri nipoti. In seguito si affermò a livello globale la definizione meglio compiuta di biodiversità, definizione che si applica persino su scala territoriale.
Da allora tanta acqua è piovuta nella pianura e tanto, troppo di quello che rappresentava un pericolo per la naturalità e la biodiversità comprimeva e comprime sempre più le residue "aree naturali".
Qui non si tratta di criminalizzare lo sviluppo tecnologico e la crescita urbanistica in quanto tale, ma quello che è mancato e che manca ancora oggi è un piano generale che tenga conto dell'importanza che riveste la natura e la biodiversità, per l'uomo di oggi e ancor più per quello di domani.

lunedì 20 febbraio 2012

Nuovo studio sullo status della Piana Fiorentina - Pratese - Pistoiese "LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL SIR “STAGNI DELLA PIANA FIORENTINA E PRATESE” (SIC - ZPS IT51140011)"



 Uscito nel Luglio 2011 a cura della Lipu, per conto della Regione Toscana, e curato da un gruppo di ricercatori da sempre impegnati sul territorio, lo studio presenta la situazione della piana e formula delle proposte; si tratta di un lavoro da non lasciare fra cumuli di carta sulle scrivanie o nei cassetti (anche virtuali), ma di cui si consiglia un'attenta lettura perché rappresenta un tassello fondamentale per la pianificazione del territorio della Piana Fiorentina.

"Lo studio riguarda la redazione di linee-guida per la conservazione e la valorizzazione del SIR “Stagni della Piana Fiorentina e Pratese” (SIC-ZPS IT51140011), realizzato dalla LIPU -
BirdLife Italia per conto della Regione Toscana, Direzione Generale delle Politiche Territoriali Ambientali e per la Mobilità, Settore Tutela e Valorizzazione delle Risorse Ambientali."


" Lo studio, nella sua generale stesura, ha avuto come obiettivo principale quello di definire quali siano le relazioni di carattere territoriale, ambientale e naturalistico fra il SIR Stagni della Piana Fiorentina e Pratese ed il sistema metropolitano della Piana Fiorentina e Pratese, ricordando che lo studio non rappresenta un piano di gestione del sito.
La creazione di un quadro conoscitivo condiviso, la messa in evidenza del sistema di relazioni alla scala metropolitana, l'individuazione delle criticità e delle potenzialità che il sistema delle zone umide della piana esprime nei confronti di un contesto territoriale quanto mai articolato, in un quadro urbanistico ed infrastrutturale complesso e in divenire, si ritiene possa essere utile per la comprensione di alcuni obiettivi strategici di conservazione e valorizzazione del sistema delle risorse
naturali presenti...."


L'intero materiale utile a studenti e professionisti, ma anche a semplici cittadini è scaricabile QUI

Nessun commento:

Posta un commento